Le 3 regole per un buon elevator pitch

Nei giorni scorsi abbiamo visto come fare un buon pitchdeck, mentre oggi parleremo del famoso elevator pitch.

Come ho scritto nel post “pitch, pitchdeck ed elevator pitch, cosa sono e quando utilizzarli”, l’elevator pitch è l’esposizione orale del tuo progetto che deve avvenire in meno di 60 secondi. Questo tipo di pitch nasce dall’esigenza di essere in grado di catturare l’attenzione di una persona in pochi secondi in situazioni dove c’è poco tempo, come ad esempio in ascensore, con l’obiettivo di ottenere un appuntamento dove approfondire. In quel post ti avevo detto che avrei tentato un azzardatissimo esempio; eccolo qui:

È come quando sei in un locale e vedi una ragazza che ti piace; hai pochissimi secondi per renderti interessante e sperare che….. no, dopo pochi secondi non succederà (e se dovesse succedere fatti due domande), ma puoi sperare che ti dedichi dell’altro tempo e magari ti dia il suo numero di telefono e un appuntamento. Io ho impiegato anni per conquistare mia moglie e convincerla a sposarmi, se avessi conosciuto le tecniche dell’elevator pitch magari mi ci sarebbe voluto meno.. 🙂

 

Ecco le mie 3 regole principali per fare un buon elevtor pitch:

  • Don’t panic.

Lo so, sei già nel panico perché sai che ti stai giocando molto e hai pochissimo tempo e sai che non avrai una seconda occasione per lasciare la prima impressione. Non ti preoccupare. Il buon Chiambretti direbbe “calma e gesso” (non ho mai capito il perché, però rende l’idea). Chiunque esso sia, dal presidente degli Stati Uniti, alla ragazza più bella che tu abbia mai visto, è pur sempre una persona come te e fa la cacca puzzolente come te. Riorganizza le idee, testa alta, petto in fuori e con voce decisa raccontagli quello che fai.

  • Non dire tutto.

Non cercare di dirgli tutto perché non ne hai il tempo e in questi casi più che mai “less is more”. Ricordati l’obiettivo dell’elevator pitch; stupirlo e incuriosirlo. Non deve capire cosa fai, ma fiutare che c’è del business o per lo meno che sei un tipo interessante. Se l’hai incuriosito lui ripenserà a quei pochi secondi di conversazione e sarà disposto ad incontrarti per approfondire. Preoccupati di portare a casa il suo biglietto da visita e un appuntamento.

  • Non mentire, mai.

Incuriosirlo e fargli capire che c’è del business si, vendere bene ciò che fai assolutamente si, mentirgli mai. Se sai mentire bene lo convincerai, ma al secondo appuntamento ti sgamerà immediatamente e la regola delle regole è non fare mai incazzare un business man o una bella donna.

 

Spero che queste 3 regole ti siano state utili. Se tu ne hai altre scrivile nei commenti.

 

Lascia un commento